La partenza da Lavena Ponte Tresa è una festa - Lombardia Coop to Coop
15830
post-template-default,single,single-post,postid-15830,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive

La partenza da Lavena Ponte Tresa è una festa

La partenza da Lavena Ponte Tresa è una festa

La Via Francisca in Italia parte da Lavena Ponte Tresa. Sono un fiume e un lago a caratterizzare il passaggio di consegne dalla Svizzera al nostro paese per avviarsi in cammino verso Pavia e poi chissà fino a Roma lungo la Via Francigena.

Arrivare nel paese rivierasco con i mezzi pubblici è semplice perché c’è un bus di Autolinee Varesine quasi ogni ora. Noi ci siamo trovati nel piazzale di fronte alla stazione e alle 10.25 siamo partiti. Siamo in dodici: Neven, la guida, Marco che gestirà una parte della comunicazione e poi il gruppo con Laura, Maria Cristina, Maria Teresa, Maria, Fabrizio, Fulvio, Tino, Enrico, Oliviero, Valter.

 

Il bus fa una breve sosta alla stazione di Ghirla permettendoci di iniziare a scoprire il liberty che tanto ha caratterizzato la provincia di Varese. Da lì a Ponte Tresa è un tragitto breve. Il negozio Coop è il vero punto di partenza. Ci fermiamo per timbrare le credenziali del cammino e il diario di viaggio che ci accompagneranno fino a Pavia.

È l’occasione anche per incontrare Ettore che segue l’attività soci e il sindaco del paese Massimo Mastromarino. C’è stato fermento dentro le corsie del negozio perché non capita tutti i giorni di vedere una quindicina di persone con lo zaino in spalla e qualcuno anche con la bandiera di Coop che sventola

È stata la prima occasione pubblica per raccontare cosa sarà Coop to Coop e lo hanno fatto Ettore, Fulvio e per l’organizzazione Marco Giovannelli “c’è una bella differenza tra le parole e la prassi. Coop ha il grande merito di far vivere in concreto alcuni valori che la animano. L’attenzione all’ambiente e ai territori richiede cura e gesti concreti. Mettersi in cammino con lentezza, condividere una intera settimana, ascoltare le persone è un gesto dal sapore rivoluzionario in un tempo dove molto sembra andare in direzioni opposte”.

È la prassi è stata subito messa in pratica con i sacchetti preparati per consentire di poter fare uno spuntino alla prima sosta. Il gruppo si è così messo in cammino per affrontare la giornata con un meteo perfetto se non fosse per il troppo caldo ormai estivo.

La prima tappa è lunga 15 km e mezzo e ci ha portato a Ganna in circa quattro ore. La pausa pranzo nel parco dell’Argentera è stata l’occasione per riposare, ma anche iniziare a fare il punto sul cammino.

Tanta meraviglia nel vedere una natura rigogliosa, ma anche la mano dell’uomo come per i murales di Marchirolo, il maglio di Ghirla e per finire la Badia di Ganna.
Alle 17.30 il tanto atteso arrivo all’hotel Tre risotti.