Da Stoà alla Scala di Giacobbe l’accoglienza è la protagonista - Lombardia Coop to Coop
15934
post-template-default,single,single-post,postid-15934,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive

Da Stoà alla Scala di Giacobbe l’accoglienza è la protagonista

Da Stoà alla Scala di Giacobbe l’accoglienza è la protagonista

Nelle ultime due notti abbiamo dormito in due strutture legate al mondo cattolico e gestite da soluzioni vicine al volontariato.

Il centro giovanile Stoà è nato da un progetto della pastorale giovanile della diocesi di Milano. Da diversi anni svolgono numerose attività sociali e tra queste offrono anche accoglienza ai pellegrini della Via Francisca.
La struttura ora si trova in pieno centro a Busto Arsizio.

Nella tappa successiva il protagonista è Franco che da tre anni è il direttore della struttura di accoglienza della Scala di Giacobbe a Castelletto di Cuggiono.
Un ostello utile per ospitare i pellegrini della Via Francisca. Oltre a questo lo spazio è utilizzato per numerose iniziative delle parrocchie, ma anche di altri soggetti.
Lui é molto attento a tutte le persone che passano manifestando una disponibilità continua.
Questa sera ha cucinato per noi una pasta e un secondo oltre alle insalate e a un gelato.