Tra arte e natura un cammino accaldato e pieno di energie positive - Lombardia Coop to Coop
16020
post-template-default,single,single-post,postid-16020,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive

Tra arte e natura un cammino accaldato e pieno di energie positive

Tra arte e natura un cammino accaldato e pieno di energie positive

Da giorni i consigli di ogni media e trasmissione televisiva per contrastare l’ondata di caldo sono di bere molto e non uscire nelle ore più calde, ovvero tutte, almeno alla nostra latitudine.

Ecco, noi ci siamo comportati da ribelli con una discreta incoscienza, ma alla fine siamo arrivati tutti e undici sani e salvi. Una gran faticaccia, qualche vescica e molta energia per superare i momenti più difficili.

La seconda tappa segue sempre la ciclabile del Villoresi. Partenza alle 8 dopo una buona colazione alla Locanda Villoresi dove abbiamo dormito.

Giornata senza punti vendita di Coop Lombardia anche se è sempre una cooperativa a fornirci il cibo per il pranzo dopo la sosta a Lainate.

Dopo cinque km è proprio quel paese ad accoglierci per una visita guidata di Villa Litta Visconti Borromeo.

Questa fu costruita intorno alla metà del 1500 su una cascina preesistente come residenza di campagna dei Visconti Borromeo. Il Ninfeo o palazzo delle acque è oggi l’elemento caratterizzante della Villa.

L’ultimo erede Giulio Visconte Borromeo aveva solo due figlie e viene scelta la famiglia dei Litta perché all’epoca erano i più potenti e da quel periodo subentrano loro come proprietari della villa. Una storia che dura un secolo fino all’esilio in Piemonte dopo il ritorno degli austriaci a Milano. Dopo di loro i Toselli acquistano la Villa che poi nel 1971 viene acquistata dal Comune di Lainate. Negli anni Novanta è stata aperta al pubblico.

Giochi d’acqua, scherzi, sculture e mosaici di grande pregio. Il Ninfeo è un capolavoro artistico che stupisce oltre a dare l’idea del lavoro artigianale di vario genere.

Marta, che lavora in comune a Lainate, ha condotto una deliziosa visita guidata all’interno degli spazi della villa e in particolare nel Ninfeo.

A cinque km di distanza un piccolo giardino nella periferia di Garbagnate Milanese per consumare il piccolo pasto.

Una giornata caldissima con una temperatura sempre sopra i 30 gradi e dalle 12 picchi di 35-36. Percepiti dieci di più.

Per fortuna una buona parte del percorso ha una discreta ombreggiatura che permetteva di sentire meno la forza del sole.

Dopo la pausa per pranzo abbiamo percorso ancora otto km alternando momenti in mezzo alla natura ad altri più urbani. Non poteva mancare un altro momento di rilassamento con i piedi a bagno nel canale.

L’arrivo a Paderno Dugnano è stato salutato con una gioia incontenibile, ma dopo un buon riposo, due ore dopo eravamo già pronti per una corposa cena.

“Sembra tanto tempo che stiamo insieme e invece siamo partiti solo ieri”. È il commento di Simonetta con tutti gli altri che convengono come si sia legato bene e quelle prime dichiarazioni sulla curiosità per una esperienza diversa nei modi di stare insieme, si stanno rivelando sempre più vere.